Livello automatico del volume audio

| | 6 Comments

Stanchi di sentire la musica e stare sempre ad alzare o abbassare il volume perchè i livelli audio tra i vostri mp3 sono diversi? Vi state vedendo un film e quando gli attori parlano a bassa voce non ci capite niente?
Forse non tutti sanno che su Windows Vista/Seven, è presente una caratteristica molto interessante: il livellamento automatico dell’audio in riproduzione. Nonostante ci sono molti prodotti che normalizzano l’audio, questa è un utility già presente nel vostro sistema operativo preferito (e non). Inoltre questa gestione del volume non avviene a livello di una singola applicazione come chi usa per esempio dei plugin di enhancement su Windows Media Player, ma avviene a livello di uscita audio principale e quindi include qualsiasi cosa stiate riproducendo e con qualsiasi software la stiate riproducendo.

Proprietà:
Aprire il Pannello di Controllo. Lo so, è in inglese ma ho postato le immagini per questo. ;)

Cliccare sulla voce Suoni e periferiche audio (Hardware and Sound).
Poi Gestisci Dispositivi Audio(Manage audio devices).

Dalla pagina che si apre, selezionare la periferica audio predefinita, che dovrebbe essere contrassegnata con uno spunto verde.
Nell’esempio in figura è quella chiamata Speakers and Dual headphones e la riconoscete anche perchè mentre riproducete qualcosa potete vedere i livelli del volume.
Ora cliccare sul tasto Properties.

Aperta la finestra delle proprietà, selezionare il terzo tab in alto: enhancements.
Da questa finestra di proprietà abbiamo adesso accesso a 4 impostazioni:
1. Enfatizzazione dei bassi
2. Virtualizzazione del suono
3. Correzione audio in base alla stanza
4. Equalizzazione sonora


In questo articolo parleremo solo della quarta proprietà che a mio avviso è la più interessante.

Per abilitarla bisogna spuntare la casella alla sua sinistra e, una volta selezionata, premendo sul tasto Settings, avremo la finestra per il settaggio, che altro non è che una barra che possiamo aumentare o diminuire.

Spostando il cursore a sinistra avremo un “tempo di rilascio” più corto, mentre spostandola più a destra ne avremo uno più lungo.
Con un tempo di rilascio corto avremo un suono più compresso e su cui sentiremo di meno le differenze tra i volumi: impostandolo al minimo il suono risulta però troppo modificato, è quindi consigliato usare delle posizioni più centrali.
Se invece si imposta un tempo di rilascio lungo, il volume verrà modificato più lentamente e quindi il suono sarà più vicino all’originale. Impostandolo ad un valore medio, si hanno degli ottimi risultati che non vi costringeranno ad alzarvi ogni 30 secondi dalla poltrona per abbassare o alzare il volume del vostro PC.

Tags: , , , ,

Category: Computer, Sistemi operativi, Windows Seven

About the Author ()