Facebook quotato in borsa

| | 0 Comments

Facebook ha annunciato ufficialmente, dopo mesi di speculazioni,  la sua intenzione di quotarsi in borsa con un’offerta pubblica iniziale al fine di raccogliere 5 miliardi di dollari. In tal modo, Facebook ha rivelato una serie di dettagli sulle sue dinamiche interne e sui piani per il futuro.
Documenti depositati presso la US Securities and Exchange Commission mostrano che il social network ha avuto, alla fine del 2011, 845 milioni di utenti attivi, in crescita del 39 per cento rispetto all’anno precedente. Più della metà di quelli (483 milioni) visitano il sito ogni giorno generando cosi ad oggi 3,7 miliardi di “mi piace”.
Tutto ciò ha portato Facebook a fatturare, l’anno scorso, un totale di 3,7 miliardi di dollari.

La maggior parte delle entrate di Facebook dipendono dalla pubblicità, anche se tale quota si riduce, dal 98 per cento nel 2009 fino al 85 per cento del 2011. Gran parte del resto è costituito da acquisti attraverso applicazioni come Farmville, creato da Zynga social gaming dell’azienda, che contribuisce attualmente per il 12 per cento delle entrate di Facebook.
Il futuro? Facebook prevede di espandersi in paesi come Brasile, Germania, India, Giappone, Russia e Sud Corea. Si prevede inoltre un’espansione anche in Cina, dove Facebook è attualmente vietato, anche se risulta difficile trovare un accordo visti i severi controlli del Paese in materia di informazione. Cit.: “Non sappiamo se saremo in grado di trovare un approccio alla gestione dei contenuti e di informazioni che sarà accettabile per noi e per il governo cinese”.
Altra fonte di guadagno di Facebook è l’applicazione facebbok mobile per dispositivi come cellulari, però la società è ora preoccupata per il rischio che i produttori di smartphone si spostino da Facebook per avvicinarsi a Google. Quest’ultimo infatti potrebbe scegliere di rafforzare i legami tra il suo sistema operativo Android e Google plus social networking, per esempio.
Un aspetto, del business, di Facebook che non cambierà è tuttavia il suo desiderio di raccogliere quantità crescenti di dati sui suoi utenti, preziosi per la società. Cit.: “Noi usiamo queste informazioni per migliorare la nostra capacità di fornire annunci pertinenti che riteniamo più interessanti e convincenti per ogni utente”.
Non sappiamo ancora qual è la valutazione iniziale delle azioni di Facebook, saranno in vendita a maggio, ma se la valutazione prevista tra i 75 miliardi e i 100 miliardi di dollari è vera, allora Mark Zuckerberg a conti fatti potrebbe diventare la nona persona più ricca del mondo.
Insieme a lui centinaia di azionisti/dipendenti di Facebook potrebbero diventare milionari; viene da dire “Champagne e aggiornamenti di stato per tutti!”.

Tags: , , , ,

Category: Facebook

About the Author ()