Stampante 3D fornisce ad una donna una mascella nuova

| | 0 Comments

Una donna di 83 anni, belga, è in grado di masticare, parlare e respirare normalmente dopo che una macchina le ha stampato un osso mascellare nuovo. Fatto da una sottile polvere di titanio scolpito da un raggio laser di precisione, la mascella di sostituzione si è dimostrata molto funzionale.
“Questa è una prima mondiale, la prima volta che ad un paziente viene sostituita tutta la mascella inferiore”, afferma Jules Poukens, il ricercatore che ha guidato l’operazione al Biomed, il dipartimento di ricerca biomedica dell’Università di Hasselt, in Belgio. “E’ un cauto, ma passo fermo”.

Fino ad ora, il più grande impianto stampato ha sostituito solo la metà della mascella superiore di un uomo, in un’operazione  nel 2008 in Finlandia.
La squadra di Poukens ha lavorato con i ricercatori in Belgio e nei Paesi Bassi e con una tipografia 3D chiamata Layerwise a Leuven, in Belgio, che si è specializza nella stampa con il titanio Ultrastrong di impianti dentali e di impianti ossei del viso e della colonna vertebrale.
E’ stata utilizzata una risonanza magnetica della mandibola della paziente per ottenere la forma giusta; questa è stata passata ad una stampante 3D e ad un sinterizzazione laser che ha fuso il titanio, strato dopo strato, fino ad avere la forma voluta. Questa è stata poi rivestita con uno strato biocompatibile ceramico. Nessun dettaglio è stato risparmiato: cavità che favoriscono l’adesione dei muscoli e scanalature che ospitano la ricrescita di nervi e vasi sanguigni e anche gli impianti dentali che il paziente potrebbe aver bisogno in futuro.

E’ solo l’inizio, prevede l’amministratore delegato della Layerwise Peter Mercelis: “Questi impianti possono essere applicati su scala molto più ampia nei trapianti di strutture ossee umane”.

Tags: , , , ,

Category: Tecnologia

About the Author ()