Il PD e la profezia Maya

| | 0 Comments

Il governo Berlusconi, il governo tecnico di Monti, il 40% di Renzi e le due votazioni primarie vinte.

Tutto questo è successo a Bersani negli ultimi anni da quando è diventato segretario del Partito Democratico. Un avvicendarsi di situazioni che lo hanno visto tra i promotori di Equitalia, tra i firmatari del governo tecnico Monti e colui che ha appoggiato lo stesso premier tecnico nell’ultima manovra che ha vissuto del disaccordo del PDL.

Tutto questo avviene in maniera del tutto paradossale nell’anno in cui la profezia dei monaci Maya recita che il 21 dicembre 2012 il mondo giungerebbe alla sua fine.

La situazione potrebbe mostrarsi più seria del previsto se facciamo attenzione alle statistiche che indicano che tutte le profezie Maya si sono quasi totalmente avverate. Il lasso di tempo che va da 1999 al 2012 è stato designato come il tempo buio dell’umanità; Catastrofi naturali e umane (Le Torri Gemelle) si sono susseguite una dopo l’altra stravolgendo la normale esistenza umana.

Ma se tutto questo lo si guarda con occhi diversi si vede la sfortuna e la iattura di un segretario di partito che quasi vicino alla realizzazione del suo sogno si trova o si troverà costretto a finire come il mondo senza averlo mai potuto avverare.

Avrebbe potuto sicuramente far meglio dei suoi predecessori. Il carisma c’è, il seguito pure e le buone idee centriste sono pronte. Ora si aspetta forse il responso più importante dopo il voto dei cittadini.

Che la profezia Maya non si realizzi altrimenti si assisterà alla morte dell’umanità e alla caduta di un presidente ancor prima di essere stato eletto.

Tags: , , , ,

Category: Attualità, Politica

About the Author ()