Gestione password: da LastPass a Google Smart Lock

| | 0 Comments

Gestione password: come fare un esportazione da LastPass e importarla su Google Smart Lock

Oggigiorno un software per la gestione password è uno strumento che non possiamo non avere. Google Smart Lock, a differenza di LastPass (la versiona gratuita), permette di sincronizzare le password anche sui dispositivi mobili e le app. Per passare da LastPass a Google Smart Lock è necessario fare un paio di modifiche alle impostazioni di Chrome.
Dalla versione 59 Chrome ha adottato il Material Design anche nella pagina delle Impostazioni e alcune funzioni sono nascoste.

I passi necessari sono dunque:

1. Come sbloccare i bottoni Importa/Esporta su Chrome

Apri la pagina chrome://flags/, cerca le seguenti chiavi e impostane il valore suggerito di seguito:

  • Enable Material Design settings impostalo a Disabled;
  • Password import and export impostalo a Enabled;
  • Riavvia Chrome.

2. Esporta le password salvate su LastPass in un file CSV

Gestione password: Esportazione password da Lastpass

Clicca in alto a destra sull’icona di LastPass e segui questi passi:

  • Più opzioni> Avanzato > Esporta > File CSV di LastPass;
  • digita la password generale e ti verrà mostrata una pagina con il file CSV testuale che devi copiare;
  • crea un nuovo file di testo sul desktop, chiamalo lastpass.txt e incollaci dentro il testo copiato.

3. Pulire il file CSV per importazione su Google Chrome

3.1 Pulizia degli URL

LastPass di default salva alcuni URL con tutti i parametri in GET e quindi potrebbe capitare di avere url del tipo “http://sub.dominio.ext/dir/pagina.php?hash=saiodjor98,%342tsaifa“. Come puoi notare nell’URL di esempio c’è una virgola, questa cosa è un problema per i file CSV, quindi ciò che devi fare è cercare URL di questo tipo e pulirli lasciando solo dominio se possibile e al massimo il sottodominio, in questo modo l’URL precedente diventerebbe “http://sub.dominio.ext/”; come vedi ho rimosso tutta la parte in corsivo.

Nell’esempio il testo selezionato in giallo è stato rimosso e sotto si vede il risultato

3.2 Modifica con Excel per eliminare le colonne extra, grouping e fav

Per semplicità rinomina il file “lastpass.txt” in “lastpass.csv”. Ora aprilo con Excel e come potrai notare non sono rispettate le colonne. Segui questi passi:

  1. seleziona tutta la colonna A;
  2. clicca su Dati > Testo in colonne;
  3. seleziona Delimitato e click su Avanti;
  4. nel riquadro Delimitatori selezionate solo Virgola e click su Avanti;
  5. lasciate la spunta su Generale e click su Fine;
  6. ora i valori saranno nella colonna corrispondente, seleziona le colonne extra, grouping e fav ed eliminale;
  7. salva il file.

Se ora provi ad aprire il CSV con un editor di testo vedrai che invece delle virgole ci sono dei punto e virgola come separatori, devi sostituirli tutti con le virgole e salvare. Se hai aperto il file con Blocco Note puoi farlo dal menù Modifica > Sostituisci.

4. Importare le password su Google Chrome

Le operazioni del punto uno ci hanno permesso di sbloccare i bottoni di importazioni delle password su Chrome. Per usarli recati nelle Impostazioni > Mostra opzioni avanzate e nella sezione relativa a Password e Moduli clicca su Gestisci Password. Clicca su importa e seleziona il file lastpass.csv su cui hai lavorato. Le password sono ora importate.

4.1 Sincronizza le password sul tuo account Google

Ora che le password sono state importate, se vuoi sincronizzarle con il tuo account Google, assicurati di essere loggato in Impostazioni > Accedi e tramite Impostazioni di sincronizzazione avanzate la spunta sia presente su Password.

 

Tags: , , , , ,

Category: Sicurezza

About the Author ()

Studio Ingegneria Informatica e Bio. all' Università Magna Graecia di Catanzaro, sono appassionato di informatica, e mi piace praticare la pesca nelle acque dolci.